INQUALIFICABILE SCIACALLAGGIO DEL QUOTIDIANO DELLA DESTRA SULLA NOSTRA PETIZIONE SU VIA PADOVA INVIATA A PREFETTO E QUESTORE

LIBERO

La giornalista di Libero, che si è studiata così bene il nostro post, non è arrivata fino in fondo, dove parliamo della necessità di sottrarre il tema della sicurezza nel quartiere agli “sciacalli” che strumentalizzano questa importante questione. 
Ecco, quell’articolo di Libero che riportiamo, con quei titoli, è un esempio di sciacallaggio. Prende il problema sollevato dalla petizione e arriva a derivarne considerazioni che con la petizione e con noi non c’entrano nulla. In altre parole, strumentalizza politicamente una iniziativa, la petizione, che vuole guardare il problema negli occhi e cercare di aiutare a risolverlo, nel rispetto e a difesa di tutti i cittadini di via Padova, di tutti i cittadini di via Padova, ripetiamo.

1- L’articolo decide che la petizione è “di sinistra”, che i soggetti che l’hanno sottoscritta sono di “sinistra”. Certo non è per noi disdicevole essere di sinistra ma quel che dice a questo proposito l’articolo non corrisponde a verità. La petizione è portata avanti da persone, da associazioni del quartiere che si riconoscono in quel che vi è scritto, molte saranno di sinistra, molte saranno di destra, non è una cosa interessante dal punto di vista dell’iniziativa. Fondamentale invece è che tutte le associazioni, comitati e persone che sottoscrivono la petizione vogliono conservare alla via la sua multiculturalità, apertura, senso di tolleranza minacciati da atti incivili di una minoranza. E tutte pongono come unica discriminante il riconoscersi nei valori fondanti di accoglienza e rispetto per le persone sanciti dalla Costituzione.

2- Via Padova non è un disastro, via Padova non fa schifo, questo lo dite voi, non noi. Noi ci abitiamo e vogliamo rimanerci perché ci piace. Poiché ci viviamo, siamo consapevoli dei suoi problemi ma proprio per questo agiamo per averla ancora più bella e vivibile. Per questo facciamo la petizione ma facciamo anche, ogni giorno, noi e tanti altri, decine di iniziative che la rendono ricca di cultura e socialità e ci sbattiamo ogni giorno per migliorare il quartiere mentre altri tacciono o quando parlano si lamentano e sanno solo dire che fa schifo.

3- Altro esempio di sciacallaggio, il presidio di polizia urbana presso via Giacosa, attuale sede delle guardie ecologiche: checchè ne dica il consigliere Bastoni, l’hanno chiesto le associazioni che gravitano attorno al Trotter e alla zona più di tre anni fa, altro che Samuele Piscina. E l’hanno chiesto per assicurare stabilità al controllo del territorio in collaborazione con il grande e eccellente lavoro che, anche su sollecitazione delle associazioni, la Polizia di Stato ha svolto e continua a svolgere al fine di prevenire comportamenti illegali.  
Insieme a questa richiesta, altre cose altrettanto decisive come le misure di prevenzione sociale che sono riportate nella petizione e che l’articolo, ovviamente, si tiene ben lontano dal riportare.

 
Eventi
<<  Nov 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
Nei prossimi giorni ...